Xplova X5 è il primo bike computer al mondo con videocamera integrata

10 febbraio 20173 commenti
Nata nel 2008 dall'idea di un gruppo di appassionati di bicicletta, l'azienda Xplova si è posta come obiettivo quello di produrre un dispositivo tecnologico pensato per gli amanti dello sport all'aperto. Dopo essere stata acquisita nel 2015 dal colosso dell'informatica Acer, Xplova debutta in questi giorni sul mercato italiano con un ciclo computer, Xplova X5, che non teme il confronto con i competitor più noti e qualificati.

Si tratta di un device piccolo, leggero (pesa appena 120 grammi) e resistente all’acqua, perfetto per chi ama gli sport outdoor. A renderlo particolare sono la presenza della telecamera
grandangolare e la qualità dei videoclip, garantita dalla stabilizzazione della videocamera.Su un un unico dispositivo troverete riassunte più funzionalità che vi permetteranno di rendere ancora più unica la vostra esperienza all’aperto.

Tra le particolarità anche la possibilità, per la videocamera, di  attivarsi automaticamente quando la velocità o la frequenza cardiaca superino valori predefiniti, o in corrispondenza di situazioni e luoghi particolarmente interessanti lungo il percorso.In questo modo sarà possibile, anche nei momenti di massimo sforzo, documentare le fasi più intense del proprio itinerario in bici. Il display è un touchscreen a colori 3”, ben visibile anche in condizioni atmosferiche avverse (il vetro è antiriflesso, antigraffio e resistente alle abrasioni). Sullo schermo, nel momento in cui è avviata la registrazione della videocamera, l’utente potrà controllare l’inquadratura e sincerarsi che la ripresa stia avvenendo correttamente. E’ anche possibile verificare e monitorare la posizione degli altri ciclisti o segnalare la propria ad amici e famigliari in caso di pericolo.

Ecco di seguito le specifiche tecniche complete:

Display: a colori LCD transflettivo 3” (240×400 px).
• Grado di resistenza all’acqua: IPX7 (max 1 metro sott’acqua per 30 minuti)
• Videocamera: obiettivo grandangolare 120°, HD [email protected]
• Connessione internet: 3G, WiFi
• GPS: ad alta sensibilità
• SIM: microsim 3G, Band 1 (2100 MHz) e Band2 (1900 MHz)
• Mappe: supporta mappe OSM e 10.000+ itinerari gratuiti
• Dimensioni e peso: 110x62x23 mm, 120 g
• Batteria: al litio ricaricabile 1500 mh – 12 ore (3G/WiFi/retroilluminazione spenta; GPS 3D-fisso)
• Input: Micro-USB 5V
• Lingue: italiano, inglese, tedesco, cinese tradizionale
• Sensori integrati: temperatura, altimetro barometrico, luce ambiente
• Supporto ANT+: fascia toracica HRM, sensore di velocità, sensore di cadenza, Combo Sensor
(cadenza e velocità), misuratore di potenza
• Confezione: Xplova X5, supporto manubrio, cavo Micro-USB, Guida rapida, scheda di garanzia

Xplova X5 è venduto in Italia al prezzo di 479€.

  • Luca Bussola

    A parte le cornici improponibili al giorno d’oggi che questo prodotto ha mi spiegate una cosa? Ma sinceramente… non voglio accusare nessuno…

    Cosa c’entra con Android?
    Articolo marchetta? (che ci sta ma andrebbe segnalato)

    Leggendo dal sito del produttore il ciclocomputer ha un sistema proprietario con connessione diretta alla rete tramite SIM e non mi sembra di aver letto da nessuna parte che è interfacciabile con dispositivi Android.

    Inoltre articolo davvero scarno… sembra davvero un copia ed incolla di un comunicato stampa.

    • Chiara Ledda

      L’articolo è stato scritto su Smartiani e non su Androidiani, mentre quest’ultimo si propone di trattare argomenti strettamente legati al mondo Android, Smartiani si occupa di un ambito ben più ampio. Infatti se guardi tra gli ultimi articoli pubblicati ne troverai due riguardanti iPhone 8.

  • Frank92samsungg

    A me basta portarmi dietro lo smartphone e mi sento tranquillo